top of page
  • Writer's pictureThe Psychotherapy

Lavoro teorico di fine corso di Samuele Filomena

Updated: 12 hours ago

Il mare

(da dove noi veniamo)

E' sufficiente osservare il mare di notte cpn la luna piena.

Si insinua nella terra e la ricopre.

E' calmo, ma allo stesso tempo può essere agitato.

E' il luogo delle origini, di quando eravamo pesci o feti.

Quanto è difficile uscire fuori e conquistare un lembo di terra dove poter esistere

 

La psicoanalisi è la scienza della mente, ma non può esistere una mente senza un corpo. Il funzionamento fisiologico che va dalla concezione del feto fino alla sua nascita fisica e per i primi due mesi dell'esistenza extrauterina.

Solo allora intorno alle otto settimane di vita la mente inizia ad emergere dal corpo se il neonato ha ricevuto l'illusione da parte della madre di una continuità con laq vita intrauterina.

La mente è fatta di una sostanza un po' più leggera della materia e per questo ha bisogno per essere compresa di una scienza diversa dalle altre, la psicoanalisi appunto.

E' il terapeuta che con la conoscenza di Sè può usare la sua soggettivitaà  in modo oggettivo per comprendere l'altro. L'incontro di due menti produce un campo e tutto quello che accade dall'incontro è una co-costruzione. Il terapeuta deve allinearsi ad un livello di funzionamento dell'altro e se l'altro ha un funzionamento primitivo è difficile per il terapeuta.

Certo all'inizio la mente non ha una unità, è una mente frammentaria e non integrata che si basa sulle sensazioni dove non c'è la possibilità di distinguere l'altro da Sè.

E' un mondo soggettivo e per i prmi mesi questa è la modalità prevalente di funzionamento ed è solo con la nascita psicologica intorno ai 6 – 8 mesi che il bambino inizia a percepire l'altro come diverso da Sè (oggetto oggettivo). La madre diventa una madre oggetto a differenza di una madre ambiente.

La principale funzione di questo primo modo di funzionare è quella di permettere la formazione di un sistema oro-gastrico che assicura le energie necessarie alla crescita. Una bocca senza denti che all'inizio assume cibo liquido (latte). Con la comparsa dei primi denti e la formazione dell'intestino e l'ingestione di cibo solido, il bambino inizia a formare o meglio ad aggiungere un'altra modalità di funzionamento alla precedente che continua ad esistere.

La differenziazione tra sistema urinario e fecale, l'incorporazione fisica che diventa introiezione e proiezione  dell'oggetto interno  creato dalla frustrazione dell'assenza.

L'integrazione tra l'imitazione iniziale ed i processi di proiezione/introiezione permetteranno un ulteriore funzionamento (uso dell'oggetto) identificazione.

Il primo oggetto madre che viene dal di dentro diviene estraneo ed esterno

E' da questo oggetto che si differenzia il secondo oggetto, padre che viene dal di fuori.

E' il periodo della scena primaria dove questi due oggetti sono sovrapposti ed iniziano a differenziarsi.

 

4 views0 comments

Comments


bottom of page